Genre de document:
Livre
Auteur/éditeur:
Giorgio Girardet. Cura e introduzione di Hilda Girardet ; prefazione di Bruno Rostagno ; postfazione di Mirella Abate
 
Standard: [Girardet, Giorgio] [Rostagno, Bruno] [Abate, Mirella] [Girardet, Hilda]
Titre:
Come canne al vento : diari della speranza di un pastore evangelico nei lager

Standard:

Collection/Série:
Libertà e giustizia
Volume:
20
Année de parution:
2020
Lieu de parution:
Torino

Standard : [Turin][Augustae Taurinorum]

Éditeur/imprimeur:
Claudiana

Standard: [Editrice Claudiana][Claudiana][Tipografia Claudiana][Claudienne][Imprimerie Claudienne][Claudian Press]

ISBN/ISSN:
978-88-6898-249-2
Pages:
pp. 255 + 16 di illustrazioni f.t
Nombre des illustrations:
Prefazione. Pensiero teologico e fede alla prova di Bruno Rostagno (5-10) Introduzione di Hilda Girardet (11-30) Parte prima: Lager di Sandbostel; Parte seconda: Bergen - aprile 1945 Una tavola apparecchiata ; Roma - novembre 1945 Ripensare l'uomo dopo i lager; Parte terza: Studi, conferenze, interventi pubblici nel Lager.
Format:
21 cm
Sujets:
Camps de concentration allemands - Guerre mondiale 1939-1945 - Déportés italiens - Journaux et mémoires
Girardet, Giorgio (1919-2011) - Journaux et mémoires

Résumé/commentaire:

Recensione: Protestantesimo 76 (2021) fasc. 4, pp. 270-272 [Antonella Varcasia] 

 

Fatto prigioniero dopo l’8 settembre e deportato nei lager della Germania nazista per il rifiuto di continuare la guerra a fianco dei tedeschi e dei repubblichini di Salò, il giovane sottotenente valdese Giorgio Girardet tiene fortunosamente un diario, ritrovato quasi integro dalla figlia Hilda. Qui se ne propone la parte che va dal marzo 1944 al gennaio 1945 quando Girardet, nel campo di Sandbostel – lo stesso di Alessandro Natta, Giovannino Guareschi, Gianrico Tedeschi e tanti altri –, fu il pastore di una piccola rappresentanza evangelica e dove, sorretto da una grande fede e da una forte volontà di reazione, moltiplicherà le occasioni per incontri e gruppi di studio e stabilirà i primi rapporti “ecumenici” con alcuni cattolici presenti nel lager. In quei mesi getterà le basi della sua lunga vita professionale di pastore, giornalista e studioso, sempre innovatore e aperto al futuro.

Al di là del valore di testimonianza storica, queste pagine, attraverso una prospettiva certamente parziale, permettono di scoprire come alcuni protagonisti di quella rimpianta generazione abbiano saputo, in condizioni drammatiche, confrontarsi e gettare basi culturali e morali per la ricostruzione del Paese.